Un nuovo libro sulle leggende della nostra provincia dal titolo: “Storie e leggende dei Monti Pisani” (editore: Apice libri, collana Tuscania) è il lavoro certosino realizzato dal professore lucchese Paolo Fantozzi, il quale da anni dedica molto del suo tempo alla ricerca di racconti e narrazioni dell’antica tradizione popolare locale. Tra l’altro il professore è anche il mentore del cantante Joe Natta che sta potando avanti il progetto musicale: “Le Leggende Lucchesi” ovvero il far conoscere questo costume folcloristico attraverso la canzone.   

Sinossi del libro. Eremiti che vivono in solitudine nelle foreste, fate che si trasformano in farfalle colorate, acque miracolose, castelli diroccati che custodiscono favolosi tesori, sassi che si impregnano del sangue versato nelle furibonde lotte fra lucchesi, pisani e fiorentini. E poi ancora gallerie buie e profonde nel cuore della montagna, pietre che nascondono corpi, folletti e animali fantastici, diavoli e santi. 
Sui Monti Pisani le leggende sono ancora vive e testimoniano un passato tumultuoso dal quale emergono eroi popolari pronti a difendere i loro valori con coraggio e tenacia. 
Si tratta di un territorio di grande interesse che merita di essere riscoperto e valorizzato, soprattutto negli aspetti naturalistici che inevitabilmente si legano alle tradizioni popolari. In particolare le leggende ricostruiscono l’immaginazione popolare che si fonde con la storia. E per avvenimenti di epoche o luoghi al di fuori della nostra esperienza, abbiamo documenti e storie scritte, ma anche le storie che altri ci raccontano.

Si tratta dunque di una raccolta di leggende popolari appartenenti al territorio dei Monti Pisani, sia nel versante lucchese che in quello pisano. Sono testi presi dalla viva voce delle persone che li tramandano oralmente da generazioni. Storie di eremiti che vivono in solitudine nelle foreste, fate che si trasformano in farfalle colorate, acque miracolose, castelli diroccati che custodiscono favolosi tesori, pietre che si impregnano del sangue versato nelle furibonde lotte fra lucchesi, pisani e fiorentini. E poi ancora gallerie buie e profonde nel cuore della montagna, pietre che nascondono corpi, folletti e animali fantastici, diavoli e santi.

<<Le leggende – spiega Paolo Fantozzi – custodiscono la nostra identità culturale più profonda e ancestrale e contrassegnano un territorio da riscoprire non solo nei suoi aspetti naturalistici, ma anche nelle sue tradizioni popolari; in particolare le leggende vanno a ricostruire quell’aspetto dell’immaginazione popolare che si fonde con la storia. Ecco perché dalle pagine del libro emergono eroi popolari pronti a difendere i loro valori con coraggio e tenacia, guerrieri che affrontano le guerre più sanguinose per garantire la libertà al loro popoli oppure rocche e castelli che sfidano il tempo e la storia. Oggi, il rapido avanzamento dei mezzi di comunicazione e di informazione ha cancellato in buona parte il nostro patrimonio favolistico e leggendario; non tutto però è andato perduto. Ecco perché è necessario compiere un viaggio nel passato per recuperare e far conoscere le leggende, i proverbi, le tradizioni e i ricordi della nostra terra a tutte quelle persone che non sanno che dietro a una montagna, a una strada, a un antico paese si nasconde una storia che attende soltanto di essere ricordata e raccontata di nuovo>>.

L’autore. Paolo Fantozzi è insegnante di lingua e letteratura inglese presso il Liceo Scientifico “Antonio Vallisneri” di Lucca, e si occupa da anni di letteratura inglese e americana, di didattica della lingua inglese, di folklore, di storie locali e pittura ad acquarello. E a proposito di essere appassionato di letteratura popolare orale, ha raccolto dalla viva voce degli anziani le numerose testimonianze rendendole poi leggibili nelle varie pubblicazioni edite tra le quali ricordiamo, la raccolta di racconti “Le Voci della Memoria” (2000) e i volumi per la casa editrice «Le Lettere»: “Le leggende delle Alpi Apuane” (1999), “Storie e leggende della montagna lucchese” (2001), “Storie e leggende delle colline lucchesi” (2003), “Storie e leggende della Versilia” (2005), “Storie e leggende lungo il Serchio” (2007) e “Racconti e tradizioni popolari delle Alpi Apuane” (2012). Ha inoltre curato l’antologia di racconti di scrittrici inglesi e americane “Short Stories by Women Writers” («Loescher», 2007). Mentre per «Apice libri» ha pubblicato: “Rupi e boschi incantati. Le fiabe delle Alpi Apuane” (2016) e adesso ecco: “Storie e leggende dei Monti Pisani.

il professore lucchese Paolo Fantozzi copertina del libro il professore Paolo Fantozzi

 

ALLEGATO TRE FOTO

Il professore Paolo Fantozzi

La copertina del libro

FacebookTwitterGoogle+Condividi