Problemi sotto la cintura? Malfunzionamenti cardiaci, fumo e medicinali possono causare difficoltà erettili

Problemi sotto la cintura? Malfunzionamenti cardiaci, fumo e medicinali possono causare difficoltà erettili. Ma anche le cattive abitudini alimentari possono avere delle responsabilità: la quantità e la frequenza di consumo di alcuni cibi possono incidere non poco nella vita sessuale degli uomini. E non poco: si va dal calo della libido alla mancanza di erezione. Allo stesso modo, altre abitudini alimentari hanno effetti positivi sulla salute dello sperma etc. Se non sei soddisfatto delle tue prestazioni, prima di disperarti, prendi in considerazione anche la tua dieta, fatti un esame di coscienza (e di gola) e decidi cosa fare per migliorare la tua vita sessuale.

Mangi troppe schifezze? L’attività sessuale è come l’attività fisica – non per niente, fare sesso fa (anche) dimagrire, perciò è importante che il cuore funzioni bene e che il sangue circoli agevolmente nei vasi, senza incorrere in rallentamenti creati da placche interne. Sono proprio i medici a spiegare la correlazione tra una dieta con eccesso di grassi e le disfunzioni erettili: il sangue fatica a circolare, figuriamoci a raggiungere il distretto genitale e ‘rimanerci’.

Non per niente, le persone obese hanno minori concentrazioni di testosterone, perciò più spesso soffrono di disfunzioni e calo del desiderio. Un’alimentazione varia e con pochi grassi e un discreto allenamento fisico migliorerà anche le performance in camera da letto.

Meno deca, più caffè Troppa caffeina può creare problemi di insonnia e ipereccitabilità, vero, ma anche bere il decaffeinato al posto del caffè può incidere sulla durata in termini sessuali: se è vero che il troppo stroppia, anche la totale mancanza non va bene…un caffè e non servirà più la gru (grazie a un flusso circolatorio più vivace) per il pene.

Troppo alcool? Un goccetto per riscaldare l’atmosfera e rilassarsi va bene, ma se l’alcool arriva all’inguine, riuscirai a darti alla pazza gioia? Forse perché abbassa il livello del testosterone, vasodilata e quindi diminuisce l’afflusso di sangue nel pene, per non parlare del fatto che se l’intero organismo è impegnato nel tentativo di eliminare l’alcool, difficilmente si porrà il problema di far affluire abbastanza sangue al pene. In poche parole, più di 2 (massimo 3) bicchieri al giorno significano meno erezioni e meno orgasmo.

Attenzione allo zucchero Golosi di dolci, attenzione, lo zucchero (quando assunto in quantità eccessive) è il miglior killer del sesso, perché abbassa notevolmente il testosterone. La prova definitiva arriva da uno studio condotto su uomini dai 19 ai 74 anni, cui è stato fatta assumere una dose doppia di zuccheri rispetto al fabbisogno quotidiano. La conseguenza si è vista nelle analisi ematiche, il cui il livello di testosterone è scesa del 25%.

Basta con le porzioni gigantiLe mega porzioni di pasta o altri piatti elaborati – non si sta certo parlando di verdure bollite – non sono certo afrodisiache, infatti non è una novità che dopo un pasto (troppo) abbondante l’unico pensiero in cui c’entri il letto ha a che fare con un pisolino. I carboidrati e i grassi fanno innalzare la glicemia, per cui il corpo produce più insulina, che rende più stanchi. Se si ha in programma il sesso, meglio non abbuffarsi a tavola.

Vegano? Attento Un’alimentazione ricca di frutta e verdura è di sicuro salutare, ma dire addio alla carne e alle proteine animali può causare problemi sotto la cintura: in particolare, la carenza di vitamina D serve all’organismo per produrre ossido nitrico, tra i responsabili del funzionamento dei vasi sanguigni. In caso di mancanza di vit.D (e quindi, di ossido nitrico), si può incorrere in disfunzioni erettili di varia entità.

Da: QUIhttp://www.italianosveglia.com/dieta_e_sesso_cosa_centrano_luno_con_laltro-b-102899.html

Share