Cibi e Natura

befanotti di barga di nonna lisetta

befanotti di barga di nonna lisetta di Liana Bartolomei per la pasta, un kg di farina, 800 gr di zucchero, 280 gr di burro, 6 tuorli d’uovo, 4 chiare (albumi) d’uovo, 50 gr di strutto. Per il marzapane, 300 gr di mandorle, 300 gr di zucchero, 2 chiare d’uovo, scorza grattugiata di un limone, sassolino e alchermes q.b., Impastate la farina col burro ammorbidito, zucchero, uova e strutto, lasciar riposare

FacebookTwitterGoogle+Condividi

L’Italia perde 180 m2 di suolo al minuto

L’Italia perde 180 m2 di suolo al minuto di Claudio Vastano Lo scorso 5 dicembre si è celebrato il World Soil Day, un evento a livello mondiale organizzato allo scopo di far prendere coscienza alle istituzioni e all’opinione pubblica di quale sia l’importanza dei suoli e della buona gestione che ne permette la salvaguardia. E di consapevolezza, nel nostro Paese, ve ne è urgente bisogno, visto che –dati ISPRA alla

IL Menu di San Silvestro: DEL RISTORANTE ANTICO CAFFE DEL SONNO

 IL Menu di San Silvestro:  DEL RISTORANTE ANTICO CAFFE DEL SONNO  A BAGNI DI LUCCA Antipasti: Canapè, tartine e crostini Gamberi su salsa guacamole   Primi: Crepes al tartufo Pasta con aringhe, broccoli e pomodoro   Secondi: Coscio di maiale al forno con patate arrosto Trancio di salmone al pepe rosa con insalatina mista   Dolci delle feste   Lenticchie e uva bianca  portafortuna   Prezzo: € 40,00 a persona

i TAGLIERINI CON POMODORINI AL FORNO

 i TAGLIERINI CON POMODORINI AL FORNO i cuochi li chiamano “pomodorini confit” ma noi parliamo come si mangia e diremo pomodorini al forno. Si mettono in una teglia i pomodorini (sceglieteli dolci) maturi, irrorati d’olio di frantoio, aggiungete sopra aglio tritato, origano, un pochino di semi di finocchio, poi pepe nero macinato, sale e pepe e una leggerissima spolverata di zucchero per caramellare, mettete in forno finché saranno raggrinziti, poi

COME FARE LA MEZZINA O PANCETTA

COME FARE  LA MEZZINA O PANCETTA Mezzina, deriva da mezzena, parte centrale del ventre del maiale, è la stessa cosa che pancetta. Tagliato il pezzo di carne dal maiale con la sua cotenna si appende al fresco per una notte, poi si cosparge con abbondante sale grosso, si massaggia e si mette su un piano inclinato a far perdere eventuale umidità e si lascia “prendere” sale per uno o due

La barbabietola rossa, proprietà e benefici

La barbabietola rossa, proprietà e benefici   La barbabietola rossa, conosciuta anche come carota rossa o rapa rossa è una verdura ricca di proprietà. Si tratta di un ortaggio che viene consumato un po’ tutto l’anno, visto che si adatta bene a diverse condizioni di coltivazione e la sua semina avviene in maniera scalare, da marzo a ottobre. Ma rimandiamo le informazioni sulla coltivazione ad uno specifico approfondimento. Oggi vogliamo

L’orto in inverno…

L’orto in inverno…   Anche se a dicembre i lavori di semina e raccolto subiscono un rallentamento significativo, nell’orto c’è sempre comunque qualcosa di cui occuparsi… L’orto va seguito, è bene non lasciarlo incolto, e qualcosa si può seminare al riparo, sotto i tunnel, come radicchi, lattuga da taglio e ravanelli…o trapiantare, come cipolle e spinaci…e qualche pianta da frutto, essendo in riposo vegetativo, può esser messa in campo senza

i TAGLIARINI ALLA GARFAGNINA

i TAGLIARINI ALLA GARFAGNINA Tagliarini in dialetto, tagliolini in italiano, ma rigorosamente fatti in casa e con farine macinate a pietra. Innanzitutto lesso i fagioli scritti con salvia, aglio, un pezzo di zampuccio o un pezzo di prosciutto preso nel gambuccio (la fine del prosciutto), poi faccio un soffritto con lardo o mezzina, carota, sedano e cipolla, rosmarino, aglio e salvia, sale che fà uscire tutti i succhi, lo faccio

la CREMA DI FARINA DI CECI

la CREMA DI FARINA DI CECI per non usare i ceci lessati per fare una crema, o tipo passato o minestrina chiamatela come volete, si può usare la farina di ceci che dovrete “sciogliere” in acqua a freddo e fatela riposare anche un paio di ore, poi metterete sul fuoco sempre mescolando perché non si attacchi, salate e pepate. Meglio ancora se farete insaporire un nonnulla d’olio con una punta

POLENTA DI CASTAGNE COL BIROLDO E CON I SALUMI

POLENTA DI CASTAGNE COL BIROLDO E CON I SALUMI la polenta di castagne col biroldo era il pranzo preferito dei cavatori dell’a Garfagnana perché apportava tanta energia, costava poco ed era quello che in inverno “passava il convento” o la cucina che dir si voglia. Il biroldo lo potete mettere sulla polenta appena tagliato o lo potete friggere, così pure gli altri salumi garfagnini come la mondiola, la salsiccia, la