Autobiografia di un picchiatore fascista: con Marco Brinzi

martedi 24 aprile, via sant’andrea 33 lucca

30705841_10156430435981979_1417338730938630144_n

 

  • ingresso allo spettacolo è gratuito. E’ necessario però prenotarsi contattando il Comune di Lucca all’indirizzo mlombardi@comune.lucca.it. Nell’ambito delle celebrazioni per la Liberazione, Marco Brinzi torna in scena con uno spettacolo dedicato all’antifascismo. La pièce si svolgerà il 24 aprile al Cred di via Sant’Andrea n°33, nella Sala Maria Eletta Martini alle ore 18.

Lo spettacolo viene riproposto dopo la prima rappresentazione assoluta del novembre scorso sul palcoscenico del Teatro del Giglio mentre il 23 gennaio è stato portato in scena all’auditorium dell’Università Bocconi, nella giornata organizzata dalla Fondazione Roberto Franceschi Onlus di Milano, in occasione della ricorrenza della morte di Roberto Franceschi che venne ucciso da colpi di arma da fuoco nel 1973 durante uno scontro nato nell’ambito di un’iniziativa del Movimento Studentesco che si doveva tenere proprio alla Bocconi. Brinzi torna quindi a Lucca con l’appuntamento del 24 aprile promosso e organizzato da Comune e Provincia di Lucca, Anpi Lucca e Istituto Storico della Resistenza.

Marco Brinzi porterà in scena il monologo “Autobiografia di un picchiatore fascista” tratto dal libro di Giuliano Salierno. Il celebre attore lucchese, che già in passato è stato protagonista di una performance teatrale riguardante le ultime ore di vita di Don Aldo Mei, torna quindi a raccontare temi che hanno segnato la storia del Paese. Lo spettacolo, ideato dallo stesso attore, ripercorre la biografia di un uomo dichiaratamente fascista e, facendolo, racconta i meccanismi che ancora oggi possono far avvicinare le persone all’ideologia fascista. Come lo è stato per l’interpretazione di Don Aldo Mei, Brinzi attraverso la sua arte torna a sottolineare l’importanza di mantenere vivi i ricordi che hanno portato all’Italia come oggi la consociamo, ribadendo i valori su cui si fonda la Costituzione e quindi il Paese stesso.

Share