Ancora un incidente sul lavoro nella cantieristica a Viareggio!

Servono misure di controllo straordinarie!
Un altro incidente sul lavoro, stavolta nei cantieri nautici di Arpeca a Viareggio, un altro lavoratore che passerà ore e giorni in ospedale.
Può essere sempre una casualità o il fato la causa degli infortuni sul lavoro?
Noi pensiamo di no e se questa volta l’incidente risulta apparentemente meno grave, per fortuna, resta molto grave la situazione per quanto riguarda la sicurezza nei luoghi di lavoro e in special modo nella cantieristica, dove da troppo tempo non vengono effettuati i controlli da parte delle autorità sanitarie e del lavoro.
L’utilizzo indiscriminato degli appalti ha portato lavoratori di tante aziende a svolgere nella precarietà e nel ricatto occupazionale le loro attività, in modo promiscuo e pericoloso.
Tutto questo avviene quotidianamente in violazione delle norme di legge e del buon senso ed ormai è un fatto metabolizzato al punto che da troppi viene considerato “normale”.
Invece non lo è per niente anche perché per le aziende scorrette rappresenta un’occasione di dumping nei confronti di quelle virtuose.
Insomma, la concorrenza la pagano i lavoratori mettendo a rischio la propria incolumità.
Tutto ciò è indegno di un paese civile e moderno!
Le famose imbarcazioni di lusso che escono dai cantieri di Viareggio sono fatte da lavoratori precari e insicuri!
Crediamo sia il caso di aprire una seria riflessione sul “made in Viareggio” come marchio di qualità anche del lavoro, perché se la città è una vetrina, dal punto di vista del lavoro nella cantieristica, come minimo ha bisogno di una bella ripulita.

Nicola Riva Fiom Cgil Versilia

Share